Passa ai contenuti principali

Post

Oltre l'amore c'è l'amore

"Forse è vero, e i più savi l'hanno scritto: Oltre l'amore c'è ancora l'amore. Si perde il fiore e poi si vede il frutto. Noi ci perdiamo e si vede l'amore". (Franco Fortini, Foglio di via).
Post recenti

La ribellione è follia.

"La ribellione viene codificata come stravaganza o follia dal potere dominante. Poiché esso non ha alcuna intenzione che avvenga il cambiamento". (M. THOMPSON NATI, Leadership for a sheep and others animals, 1996).

LASCIANDO GLI INUTILI FARDELLI

"Sapevo solo che dovevo andarmene. Volevo andarmene. Dobbiamo tutti partire per rinascere, lasciando gli inutili fardelli". "I just know that I had to get out of here. I was going to go far away. We all have to leave to be reborn, without our burden". (T. Bergen, ERA LEI/ JUST THE WAY SHE WAS, 2009).

QUALCOSA DA CAPIRE

"Ho 15 anni ed ogni anno ho pensato: adesso sì che ho capito, ora sono pronto. Ma pronto a cosa? E che ho capito? Che avoja a capire, non si finisce mai di conoscere noi stessi. Io non lo so che cosa voglio da questa vita, sto cercando di capire. È un peccato fermarsi per eccesso di comprensione. Meglio camminare, continuando a cercare. Ogni tanto serve sbagliare per capire come si fa. I grandi hanno sempre paura che sbagliamo, ti fanno sempre vedere loro ma poi fanno tutto loro. Epperò poi si lamentano che siamo dipendenti e non sappiamo o non vogliamo fare le cose. Alle volte abbiamo bisogno di un incoraggiamento a fare, e no di essere considerati scemi o pigri. Scemi o pigri se lo diventiamo è pure colpa dei grandi. Certo, io mica chiedo di scalare la torre di Pisa di notte a occhi chiusi, ma un conto è preoccuparsi per la nostra sicurezza, e un altro è rompere sempre le palle per quello che non si può fare. Io penso che sbagliare serve pure per crescere. Tanto nessuno è perfe…

NON SI PUÒ SCAVARE IL CIELO

NON SI PUÒ SCAVARE IL CIELO. "Scava, scava, mi sembro sempre in superficie. Mi chiedo, forse sto scavando il cielo? O forse non c'è tanto da scavare, da capire. Tutta questa resistenza è stata inutile. È brutto quando fatichi per anni, e tutto resta tale e quale. Pretendevo di salvare mio padre, mia madre, e mi sono perso io. Poi mi sono chiuso in letargo, per 2, 3 anni, spento e rassegnato. Ma tutto questo dolore mi ha insegnato che le cose alle volte vanno lasciate andare, che non puoi farci niente. Ma mica tutto. Io posso dare ancora trantissimo alla mia vita. Mi serve un po' di pace. Non so come dire però, una pace attiva. Basta letargo, e basta pure questo vittimismo rassegnato del cazzo che ormai fa vomitare pure me. Ed è bellissimo sorridere di nuovo alle piccole cose della vita -perché ci sono- ma io non le vedevo, preso com'ero a scavare il cielo. Ho buttato la pala. Il cielo non si scava. Non so dove sto andando. In fondo ho solo 18 anni e tanta voglia di vo…

LIBERTÀ O GABBIA SICURA?

"La scelta sempre più si palesò tra una rischiosa libertà ed una gabbia sicura. Tuttavia, quello che scoprii a mie spese, fu che le gabbie sicure si rivelan d'esser assai più rischiose, insidiose, perigliose. Vivere vorrei senza controllo. Il mio. È questi a soffocare speranze di libertà. Serve violenza e nuove fantasie, per trasformare la gabbia in beato oceano di perdizione infinita". (M.Thompson Nati, I paradossi dell'io, 1995).

Ma nemmeno impossibile

"Nessuno disse che era facile. Ma nemmeno impossibile. Inferno non era. E mi misi all'opera. Felice è chi affronta i problemi confidando nella sua mente per la soluzione. Felice ancor più chi riesce a condividerli con le persone care. È l'incontro dei sognatori poeti che rende gradevole ancor la vita". (M. Thompson Nati, Taccuini Verdi, 1956, su M. De Pretis).